aggiornare sito web contenuti vecchi

Aggiornare un sito web a partire dai vecchi contenuti: ecco perché è importante

Il comportamento comune di chi scrive contenuti per blog e siti web è quello di pensare sempre al prossimo articolo. Forse sarà capitato anche a te, dopo la soddisfazione di aver pubblicato online il tuo ultimo lavoro, di metterti a ragionare sull’argomento da proporre nell’immediato futuro e non sull’aggiornamento dei vecchi contenuti.

Si tratta di una fase spesso critica, proprio dovuto alla necessità di rispettare i tempi di consegna. Ecco perché recentemente ho pubblicato una mini guida su come scrivere un articolo a settimana. Oggi però voglio cogliere l’occasione per svelarti che il tuo lavoro di copy SEO non finisce qui!

Non solo quantità ma soprattutto qualità

Un’operazione che molti sottovalutano, infatti, è quella di dare uno sguardo al lavoro passato. Conosci già bene l’importanza superiore che ha la qualità dei tuoi articoli rispetto alla semplice quantità. Solo un articolo ben posizionato su Google, infatti, riceve traffico.

Un dato di cui forse non eri a conoscenza è che negli ultimi 2 anni è stato pubblicato un enorme quantitativo di contenuti (pari al 90% di quelli già esistenti). Eppure, ben il 91% di questi non riceve alcun traffico da Google. Sbalorditivo, non trovi? A questo punto son quasi certo di essere riuscito a farti capire quanto sia importante dedicare uno sforzo anche i tuoi vecchi articoli, vero?

Perché è importante aggiornare i vecchi contenuti

Molti dei tuoi vecchi contenuti potrebbero non essere stati perfetti dal punto di vista della SEO. In casi del genere, quegli articoli non saranno visti da nessuno e, dunque, non riceveranno traffico dai motori di ricerca. Dedicare un po’ di tempo a questi articoli, aggiornandoli con dei contenuti freschi e migliorando, dove possibile, l’ottimizzazione tecnica della pagina darà nuova linfa al tuo blog.

Chiaramente, questo è un lavoro che non si compie in pochi giorni, soprattutto per quei siti che dispongono di un numero importante di contenuti. Molti blogger, però, confermano che l’aggiornamento dei vecchi articoli, se sostanziale e ben svolto, migliora nettamente le performance del sito web dal punto di vista degli accessi organici.

Il fattore “freshness”

Un altro motivo per cui dovresti regolarmente intervenire sugli articoli già pubblicati è che questa operazione piace anche a Google. I crawler dei motori di ricerca tendono ad analizzare con una frequenza maggiore quei siti web dai contenuti costantemente aggiornati.

Credo che possiamo tutti concordare sul fatto che interesse primario di Google sia quello di fornire i migliori risultati di ricerca in assoluto. In molti casi, i risultati migliori coincidono con quelli più recenti. Sai perché? Semplice. Perché è molto più facile che sia in linea con gli standard di qualità richiesti da Google.

La SEO si evolve continuamente. Ciò che ha funzionato ieri potrebbe non più funzionare oggi. Quindi, un post recente che tiene conto degli ultimi aggiornamenti algoritmici di Google e che è scritto in maniera ineccepibile sotto il profilo qualitativo ha potenzialmente più chance di posizionarsi rispetto al tuo articolo che hai scritto due anni fa e che non hai più aggiornato.

Un nuovo post tende ad essere maggiormente incisivo dal punto di vista informativo. Specie in settori dove l’accesso alle informazioni più recenti è considerato importante, un contenuto del genere ha più possibilità di posizionarsi bene nella SERP.

I lettori amano i contenuti aggiornati

I lettori sono la linfa vitale del tuo blog. Il tuo obiettivo è renderli felici e soddisfare la loro curiosità o il loro bisogno informativo. Aggiornare regolarmente i contenuti è un modo per mostrare interesse e vicinanza al tuo pubblico e per far comprendere loro che il tuo obiettivo è di offrire la migliore user experience.

Da questo punto di vista, puoi utilizzare un escamotage anche piuttosto semplice. Ogni volta che il tuo contenuto viene aggiornato in modo sostanziale, puoi provvedere a modificare la data di pubblicazione. Attenzione, questa operazione non è direttamente legata ad un miglioramento del posizionamento organico. Potenzialmente, potresti anche lasciare inalterata la data di pubblicazione ed inserire all’interno dell’articolo una stringa di testo, del tipo “Ultimo aggiornamento datato il giorno X del mese Y dell’anno Z“. Ribadisco, però, che tutto ciò ha un senso solo se il contenuto presenta un aggiornamento importante e veritiero.

L’analisi dei dati

Per comprendere quali contenuti meritano priorità dal punto di vista dell’aggiornamento, la cosa migliore che puoi fare è studiare i dati. Dai un’occhiata alle metriche di Google Analytics e/o di Google Search Console e cerca di comprendere in che modo gli utenti interagiscono col tuo sito web ma soprattutto quali articoli ricevono molto traffico e quali poco o nessuno.

Fai SEO anche con i social

Se gestisci anche la pagina Facebook aziendale del tuo cliente non limitarti a pubblicare un nuovo post in cui linki un vecchio articolo. Non è facile, ma è molto importante dare il giusto peso ai social e alla SEO. Ogni canale, infatti, ha le proprie caratteristiche distintive.

Forse già conosci bene i concetti di domanda latente e di comanda consapevole. In un articolo del blog di Swimme puoi trovare alcune domande che ti faranno riflettere circa l’importanza di avere un blog anche nel caso in cui la tua pagina Facebook sia molto seguita.

Anticipare la concorrenza sui nuovi contenuti

Come avrai letto dal titolo di questo articolo, oggi non voglio concentrare la tua attenzione solo sulla necessità di rinfrescare i tuoi vecchi contenuti, ma anche sull’importanza di essere il primo ad anticipare nuovi temi.

Un esempio pratico ce lo dà il Business Blog di Trivago. Grazie ai risultati di una ricerca fatta da Think with Google sono emersi dei nuovi trend riguardo il modo in cui le famiglie effettuano le prenotazioni delle loro vacanze. Cosa ci può insegnare questo studio? In particolare che anticipare il trend può rivelarsi fondamentale, come appunto il caso degli hotel su misura per le famiglie.

Il vantaggio di anticipare i tempi e di precedere la concorrenza nella pubblicazione di un nuovo tema che più avanti nel tempo potrebbe diventare di interesse globale non si limita solo al fatto che nel primo periodo il tuo contenuto riceverà tutto il traffico da Google per la mancanza di competitor. Un fattore da non sottovalutare, infatti, è la reputazione. Così facendo, di fatto diventerai la figura di riferimento nel tuo settore di competenza.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altri Articoli

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *