lavorare come trascrittore

Lavorare come trascrittore freelance: guida completa

Oggi lavorare come trascrittore freelance, anche da casa, non è insolito o complicato come fo era fino a qualche tempo fa. Grazie a Internet e ai computer portatili, puoi operare ovunque tu sia e guadagnare bene. Si tratta di una strada affascinante ma sicuramente non esente da insidie. Eppure, le opportunità non mancano.

Del resto, per molte aziende diventa una pratica sempre più abituale e conveniente esternalizzare alcuni lavori piuttosto che assumere direttamente del personale. Oggigiorno, il lavoro di trascrizione è uno dei lavori più esternalizzati su Internet.

Ti basta un Pc portatile, una connessione Internet decente ed una buona velocità di digitazione per cominciare a trascrivere dei file. Come ogni altro lavoro, ovviamente c’è bisogno di impegno, passione e pazienza. Durante questo percorso, potresti renderti conto di essere maggiormente portato a trascrivere contenuti relativi ad uno specifico argomento. Ben venga! Soprattutto in ambiti molto delicati e ricchi di tecnicismi, un’azienda potrebbe preferire affidarsi ad uno specialista piuttosto che ad un trascrittore generico.

Cosa fa un trascrittore

Un trascrittore è un dattilografo professionista che ascolta file audio registrati o dal vivo e li converte in formato testo. Può offrire i suoi servizi all’industria della trascrizione medica e legale ma anche ad altri settori merceologici.

Come si approccia ad una trascrizione

La trascrizione richiede accuratezza, discrezione, riservatezza e la capacità di lavorare in modo rapido ed efficiente rispettando le scadenze e producendo trascrizioni della massima qualità. Il tuo lavoro deve essere preciso e soddisfare gli standard più elevati. Se ti piace l’attenzione ai dettagli e hai il desiderio di soddisfare o superare le aspettative dei tuoi clienti, il lavoro di trascrittore potrebbe fare al caso tuo!

La trascrizione implica l’ascolto di audio (o video) registrato e la digitazione di ciò che si sente parola per parola. I file audio possono essere di varie tipologie ed includere sondaggi, interviste, riunioni, telefonate, ecc.

Esistono diversi tipi di lavori di trascrizione:

  • Generale;
  • Per ricerche di mercato;
  • Medica;
  • Legale;
  • In tempo reale.

Di solito, non è richiesta grande esperienza per trascrivere un file legato ad un argomento non molto complesso. Per aree di trascrizione più specifiche, come la trascrizione medica o la trascrizione legale, è necessaria esperienza e formazione. Tuttavia, i trascrittori medici e i trascrittori legali sono anche coloro che, in genere, guadagnano di più.

Competenze per lavorare come trascrittore

Un trascrittore di successo deve possedere una serie di qualità tra cui:

  • Grande attenzione ai dettagli;
  • Velocità di digitazione di almeno 60/70 parole al minuto;
    Buone capacità di scrittura;
  • Conoscenza approfondita della punteggiatura e, in generale, della grammatica e della sintattica italiana o della lingua di cui ti occuperai;
  • Discrezione (potresti ritrovarti a trascrivere materiale molto delicato);
  • Competenze informatiche (programmi di elaborazione testi, in primis);
  • Capacità di ascolto;
  • Gestione del tempo (le scadenze vanno rispettate, dunque devi lavorare in modo rapido ma efficiente).

Pro e contro del lavoro di trascrizione

Per aiutarti a capire se puoi ottenere soddisfazioni e buoni risultati dall’attività di trascrittore, analizziamo i vantaggi e gli svantaggi relativi a questa professione.

Tra i vantaggi va annoverata la flessibilità dell’orario di lavoro. Come detto, il trascrittore può lavorare da casa o da qualunque altra location. A chi non piacerebbe? Inoltre, trascrivere può essere piacevole ed appagante sotto il profilo professionale.

Ci sono, però, degli aspetti non del tutto positivi che possono rendere meno piacevole ed agevole il lavoro di trascrittore. Ad esempio, potresti ritrovarti a sbobinare un audio di scarsa qualità, difficilmente comprensibile, con i parlanti che si accavallano o che utilizzano espressioni ed inflessioni dialettali a te non familiari.

In queste situazioni, il processo di trascrizione sarà più lungo e alcuni potrebbero trovarlo stressante. Il lavoro potrebbe non essere sempre disponibile ma questo è un problema che accomuna tutti i liberi professionisti. Potresti ritrovarti ad essere pieno di trascrizioni da fare in determinati periodi e del tutto sprovvisto di lavori in altri momenti.

Infine, soprattutto nella fase iniziale, potresti essere più lento nell’eseguire una trascrizione. Tranquillo, nulla di cui preoccuparti. Facendo tanta pratica sicuramente riuscirai a diventare più veloce nel lavoro.

Quanto guadagna un trascrittore e quanto costa una trascrizione

Siamo realistici, non diventerai milionario attraverso il lavoro di trascrizione. Tuttavia, non mancano le opportunità per ottenere buoni guadagni, soprattutto se quello del trascrittore viene svolto come lavoro secondario, magari insieme ad un altro più remunerativo.

La paga di un trascrittore si basa quasi sempre sulla lunghezza del file audio che il trascrittore deve sbobinare. Di conseguenza, raggiungere una veloce capacità di digitazione è importante! Non c’è un prezzario prestabilito per le attività di trascrizione. Orientativamente, la trascrizione letterale di un file audio parte da un minimo di € 0,50 per un file audio di 1 minuto.

Chiaramente, in presenza di file audio legati ad argomenti tecnici molto complessi, si può arrivare anche a richiedere fino a circa € 2,00 per ogni minuto di file audio da trascrivere. Pensiamo, ad esempio, alle trascrizioni dei dialoghi di film e serie televisive.

Per raggiungere buoni risultati, il tuo tempo di trascrizione non dovrà eccedere più di tre o quattro volte la lunghezza dell’audio. Ad esempio, per una file audio di 30 minuti, dovresti impiegare tra i 90 ed i 120 minuti per ultimare la trascrizione. Spesso, la capacità di ottenere buoni risultati economici può dipendere anche e soprattutto dalla velocità con cui porti a termine il lavoro. Per la serie, più veloce sei a digitare, maggiori saranno i lavori che potrai acquisire e più alti saranno anche i tuoi guadagni.

Come fare per ottenere nuovi clienti?

In primo luogo, ti consiglio di cominciare a fare tanta pratica, trascrivendo qualunque materiale tu possa ritenere interessante. Questo è un trucchetto che ti può aiutare a creare un piccolo portfolio di lavori, anche se non ti sono stati commissionati da nessuno. Il mio suggerimento è di sfruttare al massimo sia le opportunità del digitale sia le conoscenze offline, soprattutto in ambienti legali e giuridici nei quali c’è una più elevata attenzione rispetto alla figura del trascrittore.

Nei contesti digitali potresti, per esempio, mettere in mostra le tue capacità sugli account social media oppure cercare in giro per il web i recapiti di professionisti che potrebbero aver bisogno di trascrizioni. Al di fuori del mondo virtuale, potresti semplicemente preparare dei biglietti da visita da distribuire negli studi professionali della tua città.

Come gestire a livello fiscale il lavoro di trascrittore?

Ti conviene porre questo quesito ad un commercialista. Nel caso in cui il tuo sia un lavoro secondario con guadagni non molto alti, potresti anche lavorare con le ritenute d’acconto, evitando l’apertura di una Partita Iva. Nel caso in cui tu abbia intenzione di offrire anche altri servizi di scrittura (proofreading, ghostwriting, copywriting, content writing, blogging) allora non potrai fare a meno di aprire la Partita Iva.

Qual è l’attrezzatura necessaria?

Oltre ad un computer affidabile (sta a te scegliere tra laptop, desktop o entrambi), avrai bisogno di una comoda scrivania e di una sedia che ti consenta di tollerare senza troppi sforzi lunghe sessioni di lavoro.

È inoltre necessario installare app che aiutino a pulire la qualità del suono dei file. Infine, Express Scribe è un programma che ti può aiutare davvero molto. Questo software, infatti, facilita il lavoro di trascrizione in quanto è impostato in modo tale da consentire l’ascolto e la digitazione simultanea sulla stessa finestra.

Lavorare come trascrittore ottimizzando la produttività: alcuni consigli

Un trascrittore generalmente si imbatte in file dal contenuto più o meno tecnico. Per far sì che il lavoro di trascrizione sia efficace, è necessario svolgere molte ricerche, soprattutto se non si ha familiarità con quel settore.

Lavorare da casa può essere una gran bella opportunità ma presenta anche molti rischi. Le distrazioni possono essere davvero tante: dalla presenza di altre persone in casa, allo smartphone che suona di continuo così come i social media. L’organizzazione del lavoro, di conseguenza, assume un’importanza capitale.

Ti consiglio di cominciare stabilendo con precisione l’orario di inizio e di fine della tua giornata lavorativa. Avere un piano di lavoro aumenta la produttività. Cerca di definire anche il tempo da dedicare alle pause. Per esempio, un quarto d’ora di relax ogni ora piena di lavoro potrebbe essere un’idea per recuperare energie e, allo stesso tempo, non distaccarti per troppi minuti dal lavoro.

Uno strumento consigliato per lavorare come trascrittore freelance ottimizzando la produttività è un software di time management. Questi programmi ti aiutano a tenere traccia del tempo che dedichi a diverse attività. Possono, ad esempio, avvisarti quando sei troppo distratto dai social media o quando il tuo computer è inattivo per diversi minuti.

Magari, all’inizio ti sembrerà strano dover utilizzare un programma per mantenere alta la concentrazione a lavoro. Pian piano, però, ti ci abituerai e la tua efficienza non potrà che migliorare giorno dopo giorno.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altri Articoli

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *